Musica in Stampa – Dischi e Storie impregnati di inchiostro

giornali-stampa-riviste

Le recensioni e gli articoli sulle Storie del Blues di Gianluca Diana 

 

Un articolo di giornale, una recensione di un disco in uscita, un’intervista allo storyteller di turno. Tutto questo diviene carta stampata dai primi anni duemila.

Gli esordi sulla storica testata di settore “Il Blues”, la prosecuzione su diverse altre ma particolarmente il defunto magazine “Carta” e l’approdo, nel 2006, presso “Il Manifesto – Alias”. Storie quindi, in musica, raccontate attraverso quel fascino antico che porta con se il supporto cartaceo di preferenza. Ad ognuno il suo, sia che si tratti di un quotidiano, settimanale o mensile. Poco conta. Viceversa è fondamentale la narrazione che muta forma a seconda delle circostanze. Un reportage sul “New Orleans Jazz & Heritage Festival” del 2006, il primo post Katrina, diviene uno sguardo sul valore della musica come elemento culturale di una città e della sua collettività. Ancora uguale peso hanno le parole del grande social activist e bluesman Willie King, quelle dei Cypress Hill, del figlio d’arte Seun Kuti o le storie femminili di Omara Portuondo. Non bastasse, c’è anche la bellezza di scoprire il disco che non c’era, quello che per una settimana conquista le cinque stelle riservate soltanto a incisioni esaltanti. Storie che non passano mai di moda, quelle che racconta un’anziano Amiri Baraka o una giovane Oumou Sangare. Ed a rileggerle, ogni volta sembrano sempre nuove. Come il Blues.