Mojo Station’s crew @ Clarksdale

clarksdale-viaggi-in-bluesTanto alle leggende non ci crede nessuno. Figurarsi se si può dar retta ad una storiella che racconta che un tipo con la chitarra, di notte ad un incrocio [senza illuminazione artificiale, perchè parliamo degli anni Trenta] incontra il malefico Diavolo e decide di vendergli l’anima per suonare la chitarra da Dio. Che oltre alla contraddizione letteraria di stampo religioso già di suo sopra le righe, anche la storia è davvero fuori misura: una vera americanata. Of course, dismessa l’ironia il duo di Mojo Station giunge al fatidico crocicchio dove si intersecano la Highway 61 e la 49. Pensavamo di rimanere illesi dalla leggenda, ed invece non è così.

I due chitarroni sospesi nel vuoto a circa dieci metri d’altezza fanno davvero impressione. Perchè sono l’inizio dell’ingresso a Clarksdale, ovvero l’epicentro del tutto, di ogni fantastica malia che si può subire all’ascolto anche di un solo brano di Blues in tutta la propria vita. Evviva Chicago ed anche le Hills, su le mani in segno di approvazione per Memphis e palpitino i cuori per New Orleans.

Ma Clarksdale gente, ha davvero qualcosa in più.